GUIDA A PREMIERE PRO - Differenze 1

Non esiste nuova versione di un software che non abbia delle differenze e/o migliorie rispetto alle precedenti versioni. E tra Adobe Premiere Pro (vers. 7.0) e Adobe Premiere 6.5 (la versione immediatamente precedente) sembra
esserci un abisso, un enorme passo avanti che lascia di stucco tutti gli amanti del software ai primi approcci con la nuova release.
Questo paragrafo è dedicato a tutti coloro che hanno già utilizzato Premiere in precedenza, e scoppiano dalla curiosità di conoscere cosa c'è di nuovo in questa versione. Eccovi accontentati!

Innanzi tutto vi colpirà già dal momento dell'installazione: dalla figura 000 potrete vedere la prima schermata dal file di installazione che vi si aprirà avanti agli occhi subito dopo aver messo il cd del software nel lettore...



Figura 000 - Si parte con l'installazione

La nuova grafica stile XP vi accompagnerà per tutto il processo d'installazione:


Figura 001 - Impossibile non notare la grafica stile XP

Finita l'installazione, noteremo un'altra piccola novità: al contrario delle precedenti versioni, in cui l'icona del programma si trovava sempre nella sottocartella Adobe nell'area Programmi del menu di avvio, adesso invece si trova come programma a sé stante, insieme a Microsoft Word, Excel, Internet Explorer, etc..

La grafica XP non fa parte solo del programma di installazione, bensì di tutto il software. Lavoreremo infatti con una grafica accattivante come potrete verificare nelle prossime immagini.

Ricordate qual'era la prima finestra che si apriva all'avvio delle precedenti versioni del Premiere? Dovevate scegliere i parametri
del video, tra PAL e NTSC, Standard e WideScreen (spiegheremo in avanti il loro significato e quali scegliere), scomodo quando la nostra intenzione era quella di aprire un progetto già salvato in precedenza. In Adobe Premiere Pro non avremo questo fastidio: ne avremo un altro! :-) Non è solo una battuta, poiché un nuovo tipo di finestra, in figura 002, ci darà il benvenuto. Con essa avremo quattro possibili scelte: aprire un progetto creato precedentemente, creare un progetto nuovo, visualizzare l'Help o uscire direttamente dal programma. Qual'è il nuovo fastidio? All'apertura di un nuovo progetto, dobbiamo inserire il suo nome e la sua destinazione prima di poter cominciare a lavorare (capiremo in avanti il perché). Il fastidio sta nel fatto che anche se vogliamo aprire un progetto nuovo solo per fare delle prove, per reinderizzare un video soltanto o per fare delle piccolissime cose, dovremo per forza salvare un nuovo progetto. Ma tutto sommato ci può stare...


Figura 002 - Ed ecco a voi la prima schermata

 

<< Precedente  |  Successiva >>




[Menù software][Home page]


A cura di Damy Z

 Menù software »

Argomenti correlati: