Newsletter
Iscriviti alla newsletter di aggiornamento (termini)
Avvisami delle aste
Menu

Siti Partner

Sponsor
Pubblica o cerca annunci gratuiti per cercare casa, auto e lavoro




Home page > Tutti gli articoli > Guide ai prodotti audio e video


GUIDA AI VIDEOPROIETTORI - Installazione
di Redazione di ADV | Pagina 6

L'installazione di un videoproiettore

Siamo tutti d'accordo sul fatto che un videoproiettore non è un televisore e richiede quindi cure e procedimenti differenti. In particolare, per l'installazione va prestata maggiore attenzione perché anch'essa concorre ai risultati finali della proiezione.

Un televisore si installa in modo semplice: si appoggia al ripiano dedicato, si attaccano cavo di alimentazione, cavo antenna e si fanno tutti i collegamenti ai dispositivi esterni. Il videoproiettori necessita invece di una procedura di installazione e di taratura, al fine di adattarlo alle condizioni ambientali ed ottenere il massimo di visibilità.

Va ricordato che i nuovi proiettori sono esteticamente più belli che in passato, con linee morbide ed eleganti. Non stonano quindi appoggiati su un tavolino, su uno scaffale o appesi al soffitto. In particolare i nuovi proiettori LCD e DLP sono più piccoli e leggeri che in passato per cui anche il posizionamento avrà vantaggi.

Prima di tutto va scelta la tipologia del proiettore. A seconda che si voglia posizionarlo di fronte o dietro agli spettatori, va verificata la lunghezza focale di cui il proiettore è dotato che permette di visualizzare correttamente lo schermo a distanze differenti: focale corta se sta davanti, più lunga se sta dietro. Poi va sistemata l'immagine con i controlli (spesso automatici ma con possibilità di intervenire manualmente) per eliminare disallineamenti e distorsioni che dipendono dalle differenti altezze di schermo e proiettore.

 

La taratura del videoproiettore

Come detto un videoproiettore non è un televisore. Occorrono alcuni procedimenti di installazione e, successivamente, di manutenzione perché renda al massimo. I dispositivi più semplici da collocare sono certamente i DLP e gli LCD poiché necessitano solo di una fase di aggiustamento una volta posizionati nel punto desiderato. Si può regolare il fuoco, alzare l'asse di proiezione, correggere la geometria del quadro e tutti i parametri visivi tradizionali (luminosità, contrasto, saturazione, ecc...). Esistono poi dei DVD appositi per tarare al meglio l'immagine seguendo uno schema predefinito.

Per i videoproiettori tritubo va fatto un discorso a parte. Sono più complessi e delicati degli altri due tipi e necessitano una "prima installazione" che spesso è consigliabile far fare ad un tecnico specializzato. Non ci sono solo regolazioni da fare ma veri e propri "assetti" delle ottiche e dei tubi, che quasi sempre sono manuali e comportano l'apertura del dispositivo. Si va dall'inserimento di microspessori sotto i tubi al controllo della convergenza delle ottiche. Tutto ovviamente deve essere fatto con cognizione di causa. Anche le tarature elettroniche non sono banali, benché l'utente possa effettuarle da solo, con un po' di attenzione. Per ultimo, data la delicatezza del tritubo, si devono mettere in conto successivi interventi periodici di manutenzione per ritoccare l'allineamento ed effettuare la pulizia


Home page | Pagine Indice 1 2 3 4 5 6


Tag della pagina
home cinema lcd dlp ctr videoproiezione